Ingredienti:

  • MIX PER PANE E PIZZA “LE SELEZIONI DI FABIO” 850 gr
  • ACQUA 800 gr
  • FARINA GRANO SARACENO 50 gr
  • FARINA DI QUINOA 30 gr
  • FARINA DI AMARANTO 30 gr
  • FARINA DI MIGLIO 30 gr
  • SEMI LINO, ZUCCA E GIRASOLE 120 gr
  • OLIO EVO 30 gr
  • LIEVITO SECCO 10 gr
  • SALE FINO 20 gr

 

Preparazione:

Inserire nella campana della planetaria la farina, il grano saraceno e tutte le altre farine con il lievito e i semi misti, mescolateli e amalgamare il tutto aggiungendo l’acqua per poi unire l’olio extravergine di oliva e il sale.

Impastate gli ingredienti a velocità media per almeno 5-7 minuti fino a quando avrete un composto liscio. A questo punto trasferite il vostro impasto su un piano infarinato e fatelo lievitare per 30 minuti. Trascorso il tempo di lievitazione dividete l’impasto in parti da 500gr (per cassette da 10x25x7,5mm LxBxH), stenderlo a forma rettangolare e arrotolarlo o effettuare le pieghe a 3 richiudendo a libro e inserirlo nello stampo da pane in cassetta dopo aver bagnato la superficie e averlo passato più volte sopra ai semi misti per farli attaccare. Fate lievitare ancora 1 ora e mezza 2 ore. Cuocere il vostro pane in forno preriscaldato a 210°C per 10 minuti e poi a 180°C per 20 minuti. Sfornare e lasciare riposare per 40 minuti su una griglia, prima di servire.

 

Ingredienti:

Gli arancini di carnevale sono una ricetta tipica della cucina anconetana. Questa preparazione non ha nulla a che fare con gli arancini siciliani, questi dolci vengono preparati nelle Marche durante il Carnevale. Un impasto lievitato leggermente dolce è farcito con zucchero aromatizzato all’arancia, è proprio dall’utilizzo di questi agrumi che questo dolce prende il nome. La cottura in olio profondo permette allo zucchero di caramellare e alle zeste di arance di sprigionare tutto il loro aroma. Simili alle tagliatelle fritte della cucina emiliana, se ne differenziano per la presenza del lievito nell’impasto. Non mancano varianti che prevedono una cottura in forno per ottenere un prodotto più leggero. Servite gli arancini di Carnevale appena tiepidi decorandoli con codette di zucchero o lasciateli raffreddare e serviteli per la merenda.

Preparazione:
Versate in una ciotola per planetaria le farine e aggiungere il latte, l’acqua e il lievito. Avviare la planetaria con la frusta “K”. Aggiungete quindi lo zucchero, l’uovo e la bustina di vanillina.

Impastate bene e aggiungete anche il burro ammorbidito: riprendete ad impastare e proseguite fino a quando otterrete un impasto liscio ed omogeneo. Coprite quindi l’impasto con un canovaccio di cotone e lasciate riposare l’impasto per almeno 30 minuti.

Mentre l’impasto lievita preparate il ripieno degli arancini di Carnevale: grattugiate la buccia delle arance e unitele allo zucchero.

Quando l’impasto sarà lievitato stendetelo con un mattarello in modo che l’impasto sia spesso circa 5 millimetri e che abbia una forma rettangolare. Inumidite leggermente la pasta con un po’ di acqua e cospargetela con lo zucchero aromatizzato. Arrotolate l’impasto con delicatezza in modo da non far fuoriuscire il ripieno: formate un rotolo piuttosto stretto.

Con un coltello tagliate il rotolo a fette spesse un centimetro. Portate l’olio a temperatura, friggete pochi arancini per volta, pulendo spesso l’olio dallo zucchero se fuoriesce caramellando. Servite spolverizzando con codette colorate o zucchero a velo.

Ingredienti:
• 240gr Mix pane e pizza “Le selezioni di Fabio”
• 160gr Farina di riso “Le selezioni di Fabio”
• 4 uova
• 70gr burro morbido
• 60gr spumante
• 60 gr zucchero
• Vaniglia
• 1 gr xantana

Preparazione:
In una bowl inserire la farina setacciata, le uova, il burro morbido, lo zucchero e lo spumante ed impastare.
Tirare la sfoglia nella macchinetta (spessore 3) o a mano, ripassarla spesso. Dopo averla stesa bucarla con l’apposito utensile e tagliare con una rotella dentata. Quando l’olio è arrivato alla temperatura di 175°C friggere. Una volta raffreddate (non sovrapporre) ricoprirle con zucchero a velo.

Ingredienti:

 

Preparazione:

Montare gli albumi. Quando inizieranno a montare aggiungere lo zucchero poco alla volta fino a quando il composto arriverà a “neve ferma”. Il composto è pronto quando gli albumi rimangono ben aderenti alle fruste e l’aspetto sarà lucido. Montare bene anche i tuorli.

Nei tuorli montati incorporare, con una marisa, 1/3 della meringa e 1/3 delle farine mescolate tra di loro e setacciate. Mescolate delicatamente dal basso verso l’alto continuanso fino alla fine degli ingredienti.

Mettete il composto in un sac à poche con una bocchetta liscia da 1 cm e formate i savoiardi su una teglia rivestita da carta da forno, alti almeno 1 cm cm (quindi inserendo abbastanza impasto per tutta la lunghezza) e lunghi 8 cm. Se volete, potete dare ai vostri Savoiardi una forma diversa dalla tipica a bastoncino, quindi più larga, oppure sferica, realizzando dei piccoli ciuffi di impasto proprio come per la formazione dei bigné.

Spolverate con lo zucchero semolato e poi con quello a velo. Infornate per 11 minuti a 190°C.

Aspettate che si raffreddino e staccateli con l’aiuto di una paletta.

Si conservano perfettamente anche 10 giorni, in una scatola di latta oppure una biscotteria. Consigliato lasciarli all’aria aperta almeno 1 giorno prima di procedere alla conservazione, in modo che si induriscano leggermente e non si attacchino gli uni agli altri. Se volete una consistenza più simile ai Savoiardi in busta, quindi più duri e croccanti, perfetti per l’inzuppo, basterà lasciarli all’aria un paio di giorni. Perfetti e pronti per l’inzuppo e/o per l’accompagnamento di una deliziosa crema, dessert o realizzare un goloso tiramisù

Ingredienti

Per la pasta:
Preparato per pane e pizza senza glutine “Le selezioni di Fabio” 250 gr
Patate viola cotte e schiacciate 1000 gr
Noce Moscata 2 gr
Sale fino 10 gr

Per il condimento:
Sgombro sfilettato e deliscato 200 gr.
Cipolla di Tropea ½
aglio 1 spicchio
Olio EVO q.b.
Sale q.b.

Per il condimento:
Panna fresca 250 gr
Lievito di birra fresco 15 gr

 

Preparazione

Iniziamo a cuocere le patate. Preparare una soluzione satura di sale al 25%, ovvero si versa in una casseruola o in una pentola l’acqua e per ogni litro si aggiungono 250 g di sale, qui si cuociono le patate intere e con la buccia per il tempo che necessitano. La patata, che per un processo osmotico avrebbe ceduto all’acqua i propri sali minerali, trovando una soluzione satura li trattiene al suo interno cedendo solamente una parte d’acqua vegetativa. La pelle svolge un ruolo fondamentale, trattiene al suo interno le proprietà, lascia uscire l’umidità contenuta all’interno del tubero e preserva quest’ultimo dal sale presente in maniera massiccia nell’acqua tutelando una naturale sapidità.

Bollire le patate per circa 30/40 minuti o fino a quando con i lembi della forchetta riusciamo a bucare le patate. Passarle allo schiacciapatate. In una terrina amalgamate la farina con le patate, la noce moscata e il sale. Impastare tutto fino a raggiungere un composto omogeneo, uniforme e ben modellabile.

Avvolgere l’impasto nella pellicola trasparente e farlo stabilizzare in frigo per 30 minuti.
Lavorando una porzione di impasto per volta, sul piano spolverato di farina di riso modellare dei lunghi cilindri regolari del diametro di 1 cm. Ricavare dei tocchetti regolari con il tagliapasta. Lasciarli asciugare per almeno 20 minuti sul piano spolverato di farina di riso.

Tritare finemente la cipolla e farla imbiondire in padella con olio extra vergine di oliva e aglio, aggiungere in padella i filetti di sgombro, precedentemente tagliati, facendo rosolare per alcuni minuti, quindi aggiungere un pò di acqua e terminare la cottura aggiustando di sale

In un pentolino a parte far ridurre a fuoco basso la panna con il lievito di birra.

Cuocere in abbondante acqua gli gnocchi con sale ed un cucchiaio di olio extra vergine di oliva. A fine cottura saltare la pasta nella pentola con lo sgombro

Servire gli gnocchi adagiandoli sopra un piccolo specchio di salsa al lievito di birra e aggiungere qualche pezzettino di sgombro scottato e pomodorini

Ingredienti:

 

 

Preparazione:

Setacciate insieme la farina e lievito, mescolateli all’interno della bacinella della planetaria. Unite l’acqua e amalgamare il tutto. Infine unire il sale e l’olio extravergine di oliva.
Impastate gli ingredienti a velocità media per almeno 7/8 minuti fino a quando avrete un composto liscio.

Rovesciate l’impasto in una teglia 40×30 precedentemente oliata e stenderlo con le mani fino ai bordi, pressatelo con i polpastrelli delle dita, imprimendo decisamente nella pasta i caratteristici buchi che contraddistinguono la focaccia alla genovese. Spennellate la superficie della focaccia con olio evo, irrorate la focaccia con la salamoia (15 gr acqua, 15 gr olio, 6 gr sale) e metterla a lievitare per 2 ora circa.

Passato il tempo inserire in forno ventilato e preriscaldato ad una temperatura di 220°C ventilazione 1 per circa 30/35 minuti.

Sfornare e lasciare riposare per 40 minuti su una griglia, prima di servire.

 

SCOPRI LE GRANDI OFFERTE SU
GLUTENFREEEXPERT.IT

Ingredienti:

  • 200 gr burro
  • 200 gr zucchero
  • 180 gr uova intere
  • 60 gr Miscela Pane e Pizza senza Glutine Le Selezioni di Fabio
  • 200 gr Farina di Mandorle

 

Preparazione:

Assemblare il burro morbido e lo zucchero nella planetaria e montare fino ad arrivare ad un composto spumoso.
Aggiungere successivamente le uova a filo e assicurarsi di farle assorbire bene al composto.
Successivamente aggiungere le due farine. Mescolare velocemente e per poco, giusto per quel che basta a fare assorbire le farine.
Mettere l’impasto in una tasca da pasticcere e far riposare in frigorifero per almeno un’ora.
Usando lo stampo appropriato in silpat cuocere a 160°C per 20 minuti.
Mettere in frigorifero o in abbattitore per far rassodare e togliere dagli stampi la crema frangipane.

 

Ingredienti CREMA FRANGIPANE AL CACAO:

  • 200 gr burro
  • 200 gr zucchero
  • 180 gr uova intere
  • 60 gr Miscela Pane e Pizza senza Glutine Le Selezioni di Fabio
  • 180 gr Farina di Mandorle
  • 20 gr Cacao
  • 6 gr baking
  • b. gocce di cioccolato

 

Per decorare :

q.b. mascarpone
q.b. crema nocciola

Ingredienti:

 

Procedimento:

Porre acqua, burro e sale (nei quantitativi indicati in “ingredienti”) in un pentolino d’acciaio doppio fondo, quindi portare il tutto a bollore, unire la farina e cuocere sempre sul fuoco per 2 minuti ca, fino a una pastella soda e che si stacca dal fondo. Mettere il composto in planetaria con la foglia, unire poco per volta le uova imtere, fino al completo assorbimento, quindi controllare la consistenza fino ad un composto liscio, cremoso e stabile.

Stendere su teglia microforata teflonata con bocchetta liscia n° 8 – 10 per mignon, n° 12 – 14 per paste più grandi.

 

Cottura forno ventilato: 170°- 180°C

Tempo per mignon: 15 – 18 min. ca

Valvola: chiusa per i primi 5 minuti

Raffreddamento: in abbattitore fino a +3°C

 

Note: Per piccola pasticceria classica, torte tipo saint’honorè, profiterole, torta all’italiana…..per tutte le ricette dei bignè, la quantità di uova può variare dal potere di assorbimento della farina.

 

INGREDIENTI:

Per cospargere sopra:

  • 1 cucchiaio di zucchero di canna, Q.b. di cannella (in polvere)

 

PREPARAZIONE

Lavorare le uova con zucchero e burro

Per preparare la torta di mele senza glutine iniziate a riunire in una ciotola lo zucchero e le uova e lavorate con le fruste di uno sbattitore elettrico o di una planetaria, fino ad ottenere un composto gonfio e spumoso. Poi aggiungete il burro fuso e raffreddato e lavorate ancora.

Aggiungere gli altri ingredienti

Unite la farina e il lievito, la scorza del limone (preferibilmente biologico) grattugiata e lavorate per amalgamare gli ingredienti.

Aggiungete due mele che avrete precedentemente sbucciato e tagliato a pezzi ed irrorato con un po’ di succo di limone, incorporatele a mano con una spatola.

Versate l’impasto in uno stampo di 24cm di diametro, meglio a cerniera apribile, foderato con della carta forno, o imburrato e infarinato, completate la superficie con una mela tagliata a fettine sottili, disposte a raggiera. Cospargete con lo zucchero di canna e della cannella in polvere ed infornate il dolce in forno statico preriscaldato a 180°C per 30-40 minuti circa. Verificate sempre la cottura facendo la prova stecchino e quando la torta è pronta sfornatela e lasciatela raffreddare completamente prima di sformarla.

 

Ingredienti:

Preparazione
Pulire il pesce e condirlo con olio, sale, pepe e disporlo in una teglia da forno. Aggiungere il pesce il sedano, la carota, lo spicchio d’aglio, il rametto di rosmarino e la maggiorana tritati finemente.

Completare il condimento con un filo d’olio extravergine di oliva e vino bianco. Cuocere per quindici minuti. A cottura ultimata diliscare il pesce scolare l’eventuale fondo di cottura e passarlo al tritacarne con le verdure utilizzate per la cottura (togliere rosmarino e maggiorana) fino ad ottenere una poltiglia fine.

Riunire il composto tritato in una ciotola con limone grattugiato e il parmigiano, due uova e amalgamate fino ad ottenere un composto omogeneo.

Farcire le olive (precedentemente denocciolate a spirale e messe a scolare) passarle nella farina poi nell’uovo sbattuto ed infine nel pane grattugiato.

Cuocere in abbondante olio extravergine di oliva a 180° C fino a quando saranno ben dorate.